Rimuovere la Ricostruzione gel Dolcemente

Rimuovere la Ricostruzione gel Dolcemente

Rimuovere il gel, che ci si voglia concedere un ritocco per un nuovo colore, oppure che si voglia eliminare questa nail art dalla propria agenda, è un’operazione da compiere con grande attenzione, e con professionalità. Per questo, è davvero molto importante affidarsi a delle vere professioniste del settore, in grado di effettuare un ottimo lavoro, senza danneggiare le unghie.


Ma come si può rimuovere il gel, e ottenere unghie sane e forti, che non ingrigiscono o ingialliscono? Vediamo quali sono i passi da seguire in centro estetico ( e le dritte per mantenere le unghie belle, a casa)

Rimuovere la Ricostruzione gel Dolcemente

 

Utilizzare i giusti strumenti

Così come nella ricostruzione, anche nel momento del ritocco e dell’eliminazione del gel UV, è importante utilizzare gli strumenti giusti, e saperli anche utilizzare con attenzione e grande maestria. Gli strumenti principali sono la fresa elettrica e lima, per la limatura manutale. La prima è consigliata per eliminare gran parte del gel, fin dove sia superficiale. La seconda è perfetta per andare in più in profondità, senza intaccare il naturale strato cheratinico dell’unghia. Infatti, grazie alla possibilità di dosare forza e velocità della lima stessa, gli effetti dannosi della limatura possono essere dimezzati rispetto all’uso della fresa  meccanica. Inoltre, la lima è molto indicata per rimuovere le ultime tracce di gel, assottigliare le unghie e donare loro la forma desiderata dalla cliente, con grande precisione anche su bordi e angoli.


E per accorciare rapidamente le unghie da ritoccare, senza danni? Lo strumento top sono le tronchesi. Ne esistono di vari modelli e grandezze, negli store professionali, e anche online: sono l’oggetto più cool e apprezzato dalle onicotecniche, perchè sono colorate, chic, e possono anche essere decorate con strass ed applicazioni, tanto da diventare un elemento d’arredo, da mostrare e non da nascondere in un cassetto.

Vedi anche  Non Solo Gel: Tutti i Tipi di Ricostruzione Unghie

 

ricostruzione unghie

 

La nail care deve essere quella giusta

Prima di applicare un nuovo strato di gel, in fase di ritocco è davvero importante prestare attenzione allo stato delle unghie: devono essere sottili, ma lo strato cheratinico non deve essere danneggiato, e soprattutto ogni singola unghie deve essere ben opacizzata, attraverso un buffer. Si tratta di una lima professionale, ben più delicata di una lima in senso classico, il cui compito è duplice: da un lato infatti il buffer professionale opacizza e permette al gel di avere ottima presa sull’unghia, ma dall’altro lato permette anche di lucidare l’unghia, in caso si voglia smontare del tutto la ricostruzione il gel.

Regola d’oro: mai trascurare una buona manicure, subito prima di ripetere il ritocco. Per questo, è importante spingere indietro con delicatezza le cuticole, con l’aiuto di un bastoncino in legno d’arancio. A fine trattamento poi, l’onicotecnica potrà, attraverso un delicato massaggio, applicare con un contagocce un delicato olio nutriente sulle cuticole. Ne esistono di colorati e molto profumati, con fragranze alla vaniglia, al mirtillo o alla ciliegia. Piccole coccole post ricostruzione che rendono brillanti le unghie, e che coinvolgono anche l’umore, attraverso il loro profumo.

Rimuovere la Ricostruzione gel Dolcemente

 

Quando non ripetere la ricostruzione unghie

Unghie indebolite e ingiallite in fase di ritocco? Alt, forse è meglio smettere per qualche tempo! La ricostruzione unghie in gel può indebolire fortemente e anche fare spezzare le unghie, rendendole fragili e sottili anche per molti mesi. Che fare? Se le unghie appaiono morbide al tatto ed anche macchiate, occorre optare per una manicure curativa. Esistono smalti rinforzanti, e impacchi nutrienti perfetti per rinforzare nel tempo le unghie. Uno dei più consigliati è la maschera unghie con olio di mandorle e limone. Si potrà anche aggiungere un cucchiaio di zucchero di canna, per una maggiore idratazione dei tessuti e della trama dell’unghia. Basta immergere le unghie in una ciotolina in cui si sia preparato il composto, e tenerle per almeno 20 minuti nel bagno d’olio. Si può anche optare per delle capsule in silicone, in vendita nei negozi per forniture estetiche: sono perfette per inglobare le unghie una per una, le proteggono e offrono maggiori effetti per il trattamento, sfruttando il calore. Sono anche usate per la rimozione di alcune marche di smalto semipermanente, in cui è previsto l’uso di un solvente senza acetone.

Vedi anche  Le ultime novità unghie in commercio

Dopo l’impacco, si potrà scegliere tra i tanti trattamenti anti macchia e anti ingiallimento, anche rinforzanti.

Rimuovere la Ricostruzione gel Dolcemente

E per un boost di forza, dedicato a unghie e capelli in primavera? Basta andare in erboristeria e si potranno trovare integratori mirati a base di miglio, di lievito di birra o avena e alga spirulina. La natura infatti, ci garantisce tante risorse per rinforzare unghie e capelli, mantenendoli sani, brillanti e forti.

Una buona alternativa

Voglia di colore e di unghie brillanti? Una buona alternativa è quella della manicure con applicazione di smalti semipermanenti: colorati, delicati sulle unghie, si rimuovono con una leggera limatura o magari attraverso l’utilizzo di un solvente senza acetone. L’effetto è più naturale e delicato, anche se meno duraturo: solo due settimane, contro le quattro settimane garantite per una buona ricostruzione in gel UV.

Ma si tratta, pur sempre, di un eccellente compromesso, per unghie bellissime, e più sane.

Chiudi il menu