Nail Art Cartoon

Nail Art Cartoon

I cartoni della Disney che ci hanno accompagnato durante la nostra infanzia e che stanno accompagnando quella dei nostri bambini sono infiniti: Topolino e Minnie, Aladin, Il Re Leone, La Sirenetta, Cenerentola, La Bella a la Besta.

Tante fan, ma non solo, voglio sfoggiare i loro personaggi preferiti ovunque, anche sulle unghie!

Nail art cartoon: opera d’arte sulle unghie

Se non puoi rinunciare alle principesse allora non puoi rinunciare neanche a questa nail art

Sulle unghie, attraverso la micropittura, potrete avere delle vere e proprie opere d’arte che ci permetteranno di tornare bambine.

nail art cartoon disney
nail art cartoon disney

Avrete una manicure simpatica, originale e divertente. Cosa aspettate a farvela realizzare dalla vostra nail artist?

Idee per una nail art divertente?

La nail art cartoon è sicuramente la decorazione più simpatica del momento e anche le star non hanno mancato di sfoggiarla di diverse occasioni. Con questa tecnica c’è solo da sbizzarrirsi.

Unghie con la forma del personaggio richiesto, colori vivaci e fluo, forme stilizzate… una manicure perfetta per le feste a tema.

Sei una onicotecnica e sei interessata alla nail art cartoon?

Esistono dei corsi appositi di micropittura cartoon anche della durata di un giorno.

Basterà portare con se una lampada, dei pennelli sottilissimi, pads, colori acrilici per unghie e gel sigillante.

Caratteristiche non di poco conto sono sicuramente la pratica e la capacità nel disegno a mano libera. Alla fine del corso verrà rilasciato l’attestato di partecipazione.

Troppo difficili ma non vuoi proprio rinunciare? Scegli i fantastici stickers o la tecnica del decoupage!

nail art cartoon stickers
nail art cartoon stickers
Non Solo Gel: Tutti i Tipi di Ricostruzione Unghie

Non Solo Gel: Tutti i Tipi di Ricostruzione Unghie

Lo sapevi che non esiste solo la ricostruzione di unghie in gel? E bene si, la ricostruzione delle unghie varia in base alla tipologia di tecnica che fa più al caso nostro.

Spendiamo, prima, due parole sulla tanto famosa ricostruzione unghie in gel: si tratta di un trattamento di nail beauty art, che rende subito le unghie più forti, ne corregge la forma e la lunghezza, rendendo il colore perfetto. duraturo e lucido fin oltre quattro settimane. Se anche voi state pensando di richiedere un trattamento di ricostruzione con gel, prima leggete questo post. E scegliete la ricostruzione unghie se:

  • Soffrite di onicofagia, e quindi mangiate le unghie. Grazie alla ricostruzione con gel le avrete sempre forti e lucenti, e non potrete certamente morderle!
  • Avete unghie non belle a vedersi, perché grazie alla ricostruzione potrete renderle belle proprio come piace a voi.
  • Volete aumentare la larghezza dell’unghia: perché molte ragazze hanno mani, e quindi unghie, troppo piccole per i loro gusti.

Tipi di Ricostruzione Unghie

Vediamo insieme i principali tipi di ricostruzione:

Ricostruzione unghie con acrilicoNon Solo Gel: Tutti i Tipi di Ricostruzione Unghie

La ricostruzione con acrilico è creata da polvere acrilica e gel monomero, che insieme danno vita ad un composto elastico e molto duttile, perfetto per correggere imperfezioni delle unghie naturali.

La ricostruzione con prodotti acrilici è molto performante, apprezzata dai professionisti per lavori onicotecnici di nail art molto raffinata, e per dare vita a forme di unghie molto particolari ed artistiche.

Ricostruzione unghie con cartina

La ricostruzione unghie con cartina viene scelta da tutte le clienti che alle quali non convince l’applicazione delle tips tradizionali, preferendo di gran lunga l’allungamento delle proprie unghie naturali. Questo allungamento viene in eseguito con acrilico o in gel.


  • Non solo Ricostruzione unghie

Quando si decide di rilassarsi in un centro estetico non bisogna per forza optare per una manicure. I migliori centri offrono anche trattamenti extra e coccole beauty per mani, piedi e unghie. Questo, lo si potrà facilmente trovare in molti centri estetici, con tante fasce differenti di prezzo, proprio per accontentare tutte le tasche, e tutte le esigenze.

One Step 3 in 1 Semipermanente Beige Chiaro

One Step 3 in 1 Semipermanente Beige Chiaro

Molto spesso chi si deve fare le unghie si chiede quale tipo di gel deve usare e qual’è più adatto in base al lavoro che svolge la persona. Questo perché ognuno ha esigenze diverse. C’è chi ha le unghie fragili e si spezzano facilmente, chi si mangia le unghie per lo stress o le tiene troppo spesso nell’acqua ammorbidendole, oppure si lamenta per il troppo bruciore della lampada. Chi utilizza i classici gel per unghie magari preferisce un tipo più denso che uno più liquido, altri che li vogliono colorati o trasparenti. Dunque esistono tanti tipi di gel diversi tra loro.

Semipermanente Monofasico o Trifasico?

semipermanente beigeBisogna scegliere tra due metodologie differenti : monofasico o trifasico. Utilizzando il primo si avrà un solo gel per tutte le fasi della ricostruzione. Quindi non come il trifasico, che utilizza gel base, gel costruttore e gel lucido sigillante.
Esistono di diversi tipi, in particolare quelli a bassa acidità sono utilizzati per unghie sensibili. Ci sono poi quelli UV che non permettono l’ingiallimento delle unghie dovuto al sole.
Il metodo trifasico necessita di tre diversi prodotti differenti: gel base, gel costruttore e gel lucido sigillante. È estremamente importante utilizzare i tre gel dello stesso produttore. In caso di unghie fragili è consigliata l’applicazione di uno strato più spesso di gel.
Il gel costruttore permette di dare spessore all’unghia. Per chi è meno esperto è consigliabile utilizzare gel facili da applicare che non colano. Invece chi è più esperto può optare per un gel meno denso, che permetterà di costruire unghie più sottili e nettamente più gradevoli.

One Step 3 in 1 Semipermanente Beige Chiaro

L’applicazione dello smalto semipermanente non necessita di una base ne di un top finale. Come lo smalto semipermanente beige one step beige chiaro, il risultato finale dopo un solo passaggio è molto professionale e servono solo 5 minuti per applicarlo, con una durata garantita. L’esempio di un colore tenue come il beige viene preso maggiormente in considerazione in base al periodo dell’anno; andando incontro all’autunno il beige, il marrone, il bordeaux e il viola scuro saranno i colori regnanti di tutta l’intera stagione.
Come applicare lo smalto semipermanente in poche mosse

Come applicare lo smalto semipermanente in poche mosse

Come applicare lo smalto semipermanente? Una domanda molto frequente su internet e sui social. Perchè? Perchè la nuova frontiera della ricostruzione è proprio lo smalto gel: più sottile e naturale del gel da ricostruzione, ma anche più elastico e delicato, lo smalto semipermanente ha conquistato tutte, dalle star del jet set e della TV fino alle ragazze della porta accanto. Marchi come O.P.I. o Shellac CND hanno portato in auge questo prodotto è l’hanno reso un must have alla moda, per tutte le donne, di tutte le età.

Per questo è essenziale, per ogni valida onicotecnica ma anche per tante estetiste e giovani professioniste, conoscere la corretta tecnica di applicazione dello smalto semipermanente, step by step.

Come applicare lo smalto semipermanente in poche mosse

Manicure e limatura

Il primo passaggio essenziale per la corretta applicazione dello smalto gel, è una valida cura delle mani, ma soprattutto delle unghie. Prima di tutto, si parte con una limatura leggera, su unghia naturale. In seguito, si conviene insieme alla cliente sulla forma da adottare: lo smalto gel è più delicato della ricostruzione unghie in gel UV, quindi si addice a unghie più corte, dalla forma stondata o quadrata. L’effetto è molto naturale e anche piuttosto elegante, in qualsiasi colore.

Si procede poi, con delicatezza, all’eliminazione delle cuticole, spingendole lentamente e senza troppo vigore verso il margine interno, con l’ausilio di un bastoncino naturale, in legno d’arancio. Questo prodotto può essere facilmente acquistato in profumeria o su siti web dedicati alla cura delle unghie e manicure.

Infine, una leggera limatura con buffer, un mattoncino opacizzante molto delicato e poco abrasivo, preparerà le unghie al primer, una base “aggrappante” ad hoc per lo smalto semipermanente.

Primer e asciugatura

La seconda fase dell’applicazione del semipermanente riguarda il primer: esistono differenti prodotti base per semipermanente, alcuni si asciugano all’aria in pochi secondi, mentre altri possono essere catalizzati in lampada. La scelta sta all’onicotecnica e alla cliente, ma certamente una base che asciughi in lampada UV è più resistente, ideale per chi soffre di unghie fragili o onicofagia. In tutti gli altri casi, un normale primer preparatore sarà perfetto.

Scelta e stesura del colore

La fase più bella e creativa della manicure con semipermanente, è sicuramente la scelta del colore dello smalto, e la sua stesura su tutte le unghie. I colori disponibili sono davvero tantissimi, e per tutti i gusti e gli stili. Molte donne, anche giovanissime, apprezzano colori “classici” come il rosso vivace, il nude beige o il rosa. Sicuramente queste sfumature si adattano a molti contesti differenti, dal giorno alla sera. Ma non si deve dimenticare che anche tonalità eleganti e ricercate come il fucsia ciclamino, il bordeaux o il rouge noir, sapranno essere versatili e si adatteranno a molti look. I colori moda della stagione? L’ultravioletto, viola vibrante protagonista dell’estate 2018. Ma anche le tonalità fluo, dal verde neon al giallo evidenziatore, saranno molto in voga nella stagione autunno-inverno.

Lo smalto deve essere applicato su tutta l’unghia, proprio come un semplice smalto tradizionale, e deve essere asciugato in lampada UV, per almeno un minuto, o LED, per 30-40 secondi. Per un colore più pieno e definito si consiglia una doppia applicazione (con doppia catalizzazione del prodotto).

Finish e lucido

Lo step finale prevede l’applicazione di un gel lucidante e sigillante, che deve essere catalizzato in lampada. Per rendere le unghie naturali più resistenti a urti e graffi, si potrà anche effettuare una doppia applicazione del prodotto.

Una volta asciutte e perfettamente levigate, le unghie sono pronte per l’ultima coccola prevista per la manicure con semipermanente: l’applicazione di un buon olio profumato per cuticole. I colori e le profumazioni disponibili sono davvero molti, come le case di produzione che propongono questo prodotto. Quelli più apprezzati ed acquistati profumano di vaniglia, fragola o cioccolato, e rendono le unghie ancor più lucide.

Il tocco in più? Un’attenzione speciale per la pelle delle mani: applicando una crema idratante, leggera ma profumata e a rapida asciugatura, le clienti si sentiranno ancor più coccolate e curate.

Lo smalto semipermanente può durare fino a oltre quattro settimane in perfette condizioni, e ne esistono almeno due differenti tipologie: il semipermanente che viene elimnato tramite limatura, e lo smalto gel soak-off, che si elimina senza limatura, ma con un semplice solvente specifico per questo genere di prodotto.

Ricostruzione unghie gel step by step

Ricostruzione unghie gel step by step

Parliamo di ricostruzione unghie in gel: un trattamenti che, dagli anni 2000, anche in Italia ha riscosso grande successo e seguito, coinvolgendo sempre più donne e ragazze, e facendo la propria comparsa in moltissimi centri estetici. Il gel UV da cuocere in lampada, disponibile in moltissimi colori e texture, è diventato così richiesto ed apprezzato, che in Italia come in tutta Europa sono comparsi tantissimi nail bar, chic e ricercati, o semplici e creativi. Parole d’ordine? Colore e resistenza, per un prodotto che si addice proprio a tutte: dalle giovani studentesse universitarie alle casalinghe.

La ricostruzione unghie gel nasce come soluzione all’onicofagia, ed è stata inventata negli anni ’80-90 in America. In questi decenni si è raffinata e resa appetibile e famosa.

Vediamo dunque tutti i passaggi, step by step, per la perfetta ricostruzione unghie.

Ricostruzione unghie gel step by step

1- Limatura e messa in forma

Prima di tutto, le unghie devono essere limate: infatti un sottile strato cheratinico dell’unghia stessa, deve essere eliminato, per permettere a primer e gel di “aggrappare” al meglio. Per questo, se le unghie sono naturali si incomincia la sessione di ricostruzione unghie con la limatura attraverso lima in cartone, sterile e monouso. La forma delle unghie può essere decisa con la cliente dall’onicotecnica: ovale o squadrata, stondata o squoval, ce n’è proprio per tutti i gusti.

Un passaggio facoltativo ed eventuale, può anche essere quello dell’allungamento: le unghie, nella ricostruzione unghie in gel, si possono allungare attraverso tips o cartine. Le tips equivalgono a unghie finte, incollate con attenzione e colle apposite alle unghie, e di ottima qualità, mentre le cartine si devono inserire delicatamente all’estremità dell’unghie: fungeranno da “guida” per l’allungamento, da fare attraverso un gel resistente e corposo, chiamato per questo “build”.

2- A tutto gel

Ora viene il momento creativo dell’intero trattamento: insieme alla cliente, dopo aver limato le unghie e dato loro la forma desiderata, si decide il colore del gel, e quindi l’intero stile della nail art. Esistono fondamentalmente moltissimi colori, ma solo due tipologie di gel: monofasico e trifasico.

Il gel monofasico contiene in sè una base primer, ed è quindi perfetto per chi non vuole impiegare troppo tempo nella ricostuzione. Infatti, a differenza dei gel trifasici, il gel monofasico prevede una sola fase, con eventuale lucidatura successiva dell’unghia. I gel trifasici, dal canto loro, sono molto resistenti, e certamente molto più usati e presenti per questo in moltissime tonalità, anche di grande tendenza.

In questa fase un’importanza basilare è assunta dalla creazione, attraverso gel UV, di quella che viene definita ” bombatura”. Si tratta di una curvatura da eseguire sull’unghia naturale o allungata, per evitare rotture o scheggiature date da urti. Un vero e proprio punto di “scarico”, per il peso del gel sulle unghie.

Prima dell’applicazione del gel UV ( soprattutto nel caso del classico gel trifasico), si consiglia di applicare un gel base o un primer, per rendere le unghie resistenti, e per poi passare al gel colorato ( o anche trasparente). Le stesure di gel UV, da catalizzare in lampada, devono essere due.

In caso si possegga una moderna lampda LED, sicuramente il tempo di catalizzazione risulterà dimezzato, dai 60 secondi delle lampade UV, fino a soli 30 secondi per le più moderne a LED.

3- Limatura e finish

Il terzo step, dopo aver catalizzato per la terza volta in lampada, prevede una nuova fase di limatura: in effetti il prodotto deve essere assottigliato e modellato sulle unghie, nel caso in cui, durante l’asciugatura, del gel sia colato lasciando bolle o creando strane forme sulle unghie ricostruite.

Dopo la limatura finale si applica un lucido speciale, che sigilla il gel e lo rende ancor più resistente. Anche questo prodotto deve essere catalizzato in lampada. Infine, il finish della ricostruzione unghie in gel, prevede l’applicazione di un olio nutriente per cuticole e unghie: ne esistono di diversi tipi in commercio, profumati alla frutta, al cioccolato o alla vaniglia, e in graziosi packaging colorati.

Se una ricostruzione unghie in gel viene realizzata con attenzione e precisione, seguendo ognuno di questi step, la vostra manicure risulterà perfetta ed impeccabile, lucida e dal colore pieno, fino ad un mese.