Refill unghie

Refill unghie

Il ritocco o riempimento delle unghie ricostruite, chiamato anche refill, è un’operazione che viene compiuta da un professionista della ricostruzione unghie, e che consente di riempire l’unghia con il gel o l’acrilico in modo da ritoccare la ricostruzione precedentemente fatta e ottenere il ripristino delle condizioni di ricostruzioni iniziale, come se quest’ultima fosse stata nuovamente ed interamente eseguita.
Per comprendere a fondo cosa si intenda per “refill unghie” basta pensare al normale processo di crescita delle stesse, che nel giro di 25 giorni avanza e, di conseguenza, lascia la zona circostante le cuticole priva del materiale di ricostruzione, facendo apparire le unghie disordinate e antiestetiche.
Per ritoccare le unghie, e rinnovare la ricostruzione senza eseguirla interamente, la professionista del nail art esegue il refill, che consente di riempire il margine libero dell’unghia che avanza, ritoccando la ricostruzione senza tuttavia eseguirla da capo.
Come si nota si tratta di un’operazione conveniente, sia dal punto di vista dei costi che del risparmio temporale, essendo il refill un’attività veloce e molto poco costosa.


Refill unghie

Mantenere le unghie eleganti è importante, perché la bellezza fisica delle donne passa innanzitutto per la cura delle mani, che se trascurate non aiutano la donna ad apparire elegante e curata.
Proprio per evitare che le unghie appaiano sciatte dopo le prime settimane di ricostruzione è stato ideata la tecnica del refill, che viene eseguita dopo un’attenta analisi generale dello stato delle unghie.
Se queste ultime sono abbastanza intatte infatti, ovvero prive di risollevamenti o altri problemi, l’esperto si limiterà a limare la precedente ricostruzione, utilizzando un’apposita lima a grana 100. L’onicotecnica durante questa fase potrà 


eliminare la ricostruzione unghie con fresa, ma farà al contempo molta attenzione a non limare la ricrescita.
Successivamente l’esperta si limiterà ad aggiustare la lunghezza dell’unghia, eseguendo poi l’opacizzazione della zona di ricrescita dell’unghia e spingendo, successivamente, le cuticole indietro. In base ai casi è possibile effettuare anche un trattamento antifungo, dopo aver spazzolato adeguatamente le unghie.
A questo punto l’onicotecnica procede con l’applicazione del gel o dell’acrilico, utilizzando una diversa tecnica per l’uno e per l’altro caso (anche in base alle richieste della cliente, che potrà richiedere l’applicazione di strass, accessori o altri elementi decorativi).
Si tratta in entrambi i casi di un lavoro attento e accurato, che l’esperta è in grado di effettuare grazie alla sua pluriennale esperienza nel settore, oltre che ad un’adeguata formazione professionale.

Vedi anche  5 abbinamenti e look per unghie di mani e piedi

Quando va fatto il ritocco delle unghie ricostruito?

Considerando che le unghie crescono costantemente, e di circa 0,7 mm alla settimana, è consigliabile effettuare il refill dopo circa 3 settimane.
E’ bene tenere conto che la ricrescita dell’unghia comincia a diventare antiestetica dopo la terza settimana, proprio per questo si consiglia di effettuare il refill nei tempi utili.

Refill unghie
Chiudi il menu