Ricostruzione unghie gel step by step

Ricostruzione unghie gel step by step

Parliamo di ricostruzione unghie in gel: un trattamenti che, dagli anni 2000, anche in Italia ha riscosso grande successo e seguito, coinvolgendo sempre più donne e ragazze, e facendo la propria comparsa in moltissimi centri estetici. Il gel UV da cuocere in lampada, disponibile in moltissimi colori e texture, è diventato così richiesto ed apprezzato, che in Italia come in tutta Europa sono comparsi tantissimi nail bar, chic e ricercati, o semplici e creativi. Parole d’ordine? Colore e resistenza, per un prodotto che si addice proprio a tutte: dalle giovani studentesse universitarie alle casalinghe.


La ricostruzione unghie gel nasce come soluzione all’onicofagia, ed è stata inventata negli anni ’80-90 in America. In questi decenni si è raffinata e resa appetibile e famosa.

Vediamo dunque tutti i passaggi, step by step, per come fare la ricostruzione unghie gel.


Ricostruzione unghie gel step by step

1- Limatura e messa in forma

Prima di tutto, le unghie devono essere limate: infatti un sottile strato cheratinico dell’unghia stessa, deve essere eliminato, per permettere a primer e gel di “aggrappare” al meglio. Per questo, se le unghie sono naturali si incomincia la sessione di ricostruzione unghie con la limatura attraverso lima in cartone, sterile e monouso. La forma delle unghie può essere decisa con la cliente dall’onicotecnica: ovale o squadrata, stondata o squoval, ce n’è proprio per tutti i gusti.

Vedi anche  Refill unghie

Un passaggio facoltativo ed eventuale, può anche essere quello dell’allungamento: le unghie, nella ricostruzione unghie in gel, si possono allungare attraverso tips o cartine. Le tips equivalgono a unghie finte, incollate con attenzione e colle apposite alle unghie, e di ottima qualità, mentre le cartine si devono inserire delicatamente all’estremità dell’unghie: fungeranno da “guida” per l’allungamento, da fare attraverso un gel resistente e corposo, chiamato per questo “build”.

2- A tutto gel

Ora viene il momento creativo dell’intero trattamento: insieme alla cliente, dopo aver limato le unghie e dato loro la forma desiderata, si decide il colore del gel, e quindi l’intero stile della nail art. Esistono fondamentalmente moltissimi colori, ma solo due tipologie di gel: monofasico e gel trifasico.

Il gel monofasico contiene in sè una base primer, ed è quindi perfetto per chi non vuole impiegare troppo tempo nella ricostuzione. Infatti, a differenza dei gel trifasici, il gel monofasico prevede una sola fase, con eventuale lucidatura successiva dell’unghia. I gel trifasici, dal canto loro, sono molto resistenti, e certamente molto più usati e presenti per questo in moltissime tonalità, anche di grande tendenza.

In questa fase un’importanza basilare è assunta dalla creazione, attraverso gel UV, di quella che viene definita ” bombatura”. Si tratta di una curvatura da eseguire sull’unghia naturale o allungata, per evitare rotture o scheggiature date da urti. Un vero e proprio punto di “scarico”, per il peso del gel sulle unghie.

Vedi anche  Guida al miglior kit ricostruzione unghie

Prima dell’applicazione del gel UV ( soprattutto nel caso del classico gel trifasico), si consiglia di applicare un gel base o un primer, per rendere le unghie resistenti, e per poi passare al gel colorato ( o anche trasparente). Le stesure di gel UV, da catalizzare in lampada, devono essere due.

In caso si possegga una moderna lampda LED, sicuramente il tempo di catalizzazione risulterà dimezzato, dai 60 secondi delle lampade UV, fino a soli 30 secondi per le più moderne a LED.

3- Limatura e finish

Il terzo step, dopo aver catalizzato per la terza volta in lampada, prevede una nuova fase di limatura: in effetti il prodotto deve essere assottigliato e modellato sulle unghie, nel caso in cui, durante l’asciugatura, del gel sia colato lasciando bolle o creando strane forme sulle unghie ricostruite.

Dopo la limatura finale si applica un lucido speciale, che sigilla il gel e lo rende ancor più resistente. Anche questo prodotto deve essere catalizzato in lampada. Infine, il finish della ricostruzione unghie in gel, prevede l’applicazione di un olio nutriente per cuticole e unghie: ne esistono di diversi tipi in commercio, profumati alla frutta, al cioccolato o alla vaniglia, e in graziosi packaging colorati.

Se una ricostruzione unghie in gel viene realizzata con attenzione e precisione, seguendo ognuno di questi step, la vostra manicure risulterà perfetta ed impeccabile, lucida e dal colore pieno, fino ad un mese.

Vedi anche  Dimmi che Lavoro Fai, ti Dirò le Unghie Perfette per Te
Chiudi il menu