Tutto sulla french manicure

Tutto sulla french manicure

Eleganza e raffinatezza: la french manicure è davvero una bellissima nail art. Adatta a tutte le donne e a tutte le età, può essere effettuata su mani e piedi, abbinandoli con stile e grazia. Una manicure davvero d’effetto, nella sua grande semplicità. E’ anche una delle nail art preferita dalle spose, e da chi voglia apparire curata, senza eccedere.


Ma come nasce la french manicure? E come si realizza? Vediamolo insieme in queste poche righe, con la certezza che dopo, vorremo subito provarla.

Come e dove nacque la french manicure

La french manicure ha, chiaramente, origine in Francia, ed è diventata subito di grande tendenza: ha fatto la sua comparsa sulle riviste di moda parigine intorno agli anni ’20, quando si ricercava un canone di bellezza femminile raffinato e molto semplice, quasi androgino. E’ l’epoca in cui le donne si liberano di molti stereotipi femministi, e iniziano ad indossare i pantaloni, a fumare da eleganti sigarette lunghe, a indossare tagli a caschetto e capelli davvero molto corti. Non stupisce quindi, che le donne dell’epoca abbiano anche prestato grande attenzione alla propria manicure, curando le unghie con limette in ferro, e creando una forma stondata, senza smalto. E’ da qui che trae ispirazione la french manicure: per esaltare il colore naturale delle proprie unghie, nella parte bianca di esse si applicava uno smalto bianco, e si ricopriva poi con un velo di smalto trasparente. Questa nail routine permetteva anche di portare unghie molto lunghe e curate, perchè rese più dure e resistenti grazie all’applicazione frequente dello smalto.


E ora, una curiosità: sapete che la french manicure nasce invertita? Ebbene sì, si chiamava “moon manicure”, e rappresentava una nail art in cui la parte più vicina alle cuticole, stondata e naturalmente più chiara del resto dell’unghia, veniva evidenziata con lo smalto bianco. Solo dopo, si è apprezzata la forma della french manicure più raffinata, proprio come noi la conosciamo.

Vedi anche  Dove acquistare prodotti allungamento ciglia di qualità?

Fonte Foto: https://it.pinterest.com/pin/647673990134863114/

Come realizzare la french manicure al meglio

E’ bene ricordare, sempre, che qualsiasi nail art, d’effetto o meno che sia, ha alla sua base unghie sane e forti. Per questo, è consigliabile scegliere di assumere integratori mirati, con un complesso vitaminico perfetto per mantenere le unghie sane e belle. In erboristeria e in farmacia, ce ne sono di tutti i tipi e da tutti i prezzi.

Detto ciò, tutto comincia da una manicure accurata: si mettono in ammollo le mani in acqua calda e con bicarbonato o sale grosso. Si asciuga la pelle delicatamente e si limano le unghie ( con una lima di cartone, più igienica e meno tagliente rispetto a quelle usate negli anni ’20!), per dare loro una forma stondata o quadrata. Le ultime tendenze ad ogni modo, ci parlano di una french manicure con unghie a mandorla, più appuntite ed affusolate. Poi, si passa alla nail art vera e propria: si stende lo smalto bianco, o il gel in caso si opti per una ricostruzione unghie in gel. Questo tipo di nail art è adatto anche per chi ama lo smalto semipermanente, di certo più duraturo e resistente dello smalto classico. In caso si scelga per prodotti in gel, si dovranno ovviamente catalizzare in lampada UV o LED per almeno 90 secondi. Poi, si passa al controllo della forma, per essere certi che le unghie siano tutte uguali e della lunghezza desiderata, e si procede con l’applicazione di un prodotto trasparente, naturale o anche leggermente rosato. Infatti, chi ama lo stile french potrà anche scegliere un gel trasparente rosa o persino glitterato, con un leggero velo di brillantini, per vestire le unghie di luce.

Vedi anche  Unghie e vacanze in stile

Il french e la moda

Perchè tutte amiamo la french manicure? Non solo perchè è delicata e semplice, versatile e adatta a tutti i contesti, dal più formale a quello più mondano, ma soprattutto perchè il french segue le mode! Infatti, la french manicure può essere declinata in così tante sfumature e nuance, da farci perdere la testa per questa tecnica. E poi, si potrà anche scegliere di decorare il nostro french con micropittura, glitter, e persino con l’applicazione di cristalli a rilievo.

La moda di quest’anno suggerisce un french raffinato ma d’effetto, dedicato al colore Pantone del 2018: l’ultravioletto. Ma altre tendenze vogliono la french manicure protagonista della bella stagione, con unghie vestite di fiori dipinti con grande perizia e dovizia di particolari. E se per la forma, come abbiamo sopra accennato, si impazzisce per la mandorla o la mandorla russa, la follia french dell’anno è quella del piercing: si buca l’estremità finale dell’unghia, spesso rinforzata con gel UV  o smalto semipermanente, e si inserisce un anellino con ciondolo, in oro, acciaio o argento, proprio come un gioiello di classe, da portare con disinvoltura…e un po’ di attenzione.

Fonte Foto: https://it.pinterest.com/pin/303148618661960736/

Chiudi il menu