Sanificazione e sterilizzazione attrezzature per unghie

Sanificazione e sterilizzazione attrezzature per unghie

La sanificazione dei prodotti e degli ambienti onicotecnici risulta fondamentale per igienizzare gli spazi e gli strumenti adibiti a questo lavoro, in modo efficiente e durevole. Sappiamo infatti che in ambito onicotecnico, tenere un cleaning impeccabile è doveroso per scongiurare il propagarsi di malattie infettive. Così urge svolgere una sanificazione delle superfici e una sterilizzazione degli strumenti adoperati, per far sì che si eliminino sia eventuali tracce di sangue che la proliferazione di batteri e virus pericolosi per i clienti. La semplice pulizia degli spazi adibiti al lavoro non basta per igienizzare il tutto. Le stesse normative di legge richiedono una sanificazione periodica svolta da ditte specializzate nella sterilizzazione degli spazi lavorativi. Essi svolgono un lavoro efficiente, rapido e durevole nel tempo.


Leggi qui se vuoi scoprire di più su come effettuare una sanificazione professionale e come usare l’autoclave per sterilizzazione.

Sanificazione e sterilizzazione in ambito onicotecnico: igiene e pulizia al primo posto

L’obiettivo quindi di ogni onicotecnico deve essere quello di svolgere un lavoro pulito, di alta qualità e professionale. La stessa normativa di legge richiede questi requisiti che non vanno ignorati prima di procedere alla manicure e a una ricostruzione unghie impeccabile. Pulire gli attrezzi di lavoro risulta il primo passo per lavorare in totale sicurezza e tranquillità. La sterilizzazione degli strumenti avviene tramite particolari apparecchiature che decontaminano in autoclave, cioè utilizzando il vapore ad altissima pressione e temperatura. 

Con lo sterilizzatore ad autoclave le pinzette, le forbicine e gli spingicuticole in acciaio risultano sterilizzati e sicuri. Prima di procedere però a questa disinfezione profonda, occorre detergere tutti gli strumenti con un panno intriso di detergente. La presenza infatti di polvere, gel e residui vari vanifica il processo di sterilizzazione. Eventuali asciugamani, catini che non sono monouso, vanno detersi utilizzando prodotti ad alto potere disinfettante e vanno lavati in lavatrice ad altissime temperature.

Scopri di più su come richiedere una sanificazione professionale che utilizza l’autoclave per sterilizzazione.

attrezzature manicure

Sanificazione e sterilizzazione degli ambienti onicotecnici

La pulizia delle aree adibite al lavoro onicotecnico scongiura ogni tipo di contaminazione ambientale e blocca la diffusione di qualsiasi tipo di virus o batterio. La sanificazione delle superfici va fatta solo dopo aver praticato una detersione profonda. Ciò significa che le ditte specializzate nel cleaning professionale vanno a detergere i pavimenti, le superfici adibite al lavoro, le maniglie delle porte e i servizi igienici presenti con particolari detergenti e disinfettanti biologici non nocivi alla salute delle persone che praticano questi spazi. Un risciacquo accurato ripulisce il tutto, eliminando ogni tipo di sporco e qualsiasi cattivo odore.

Vedi anche  Nail Art Cartoon
sterilizzazione attrezzi ricostruzione unghie

A questa operazione di igiene primaria segue poi la sanificazione degli ambienti onicotecnici. Essa può avvenire con particolari apparecchiature sterilizzanti all’avanguardia, efficienti e rapide. Una di esse sfrutta ad esempio il vapore per igienizzare sia le superfici che gli angoli più nascosti, creando uno shock termico ad alte temperature che neutralizza qualsiasi tipo di batterio o virus.

Il vapore secco viene erogato da apposite “pistole” capaci di igienizzare anche i divanetti, le sedie e le tende presenti nel locale onicotecnico. Per quanto riguarda invece la sanificazione a ozono, essa possiede un ottimo standard qualitativo, disinfetta e sterilizza l’aria grazie a un dispositivo innovativo e all’avanguardia. In un solo trattamento sterilizza anche le superfici presenti, elimina cattivi odori, acari, virus, muffe. Ma come funziona? L’ozono è un gas naturale dal fortissimo potere ossidante. Si converte in ossigeno risultando più potente del battericida cloro. Esso penetra anche sulle tende, le moquette e i cuscini, igienizzando tutto in un solo gesto. Aziende leader nella sanificazione, dopo una primaria detersione degli ambienti, procedono alla sterilizzazione e sanificazione con l’ozono. Viene installata un’apparecchiatura impostata con un timer a seconda dell’ampiezza della zona da trattare. A lavoro completato, l’ambiente è perfettamente sterilizzato e pronto per essere nuovamente adibito al lavoro.